raggio di luce in un bosco scuro

Luce

Perché la

sia splendente

ci dev'essere l'

Oscurità

Il dolore rovescia la vita,

ma può determinare il preludio di una rinascita.

Dott.ssa Erika Benvenuti psicologa
"Mamma diceva sempre che la vita è come una scatola di cioccolatini. Non sai mai quello che ti capita".
Ve la ricordate questa frase? La pronunciava Tom Hanks nel film Forrest Gump.
E non aveva tutti i torti. Non sappiamo quel che la vita ha in serbo per noi e non sempre siamo certi che il percorso intrapreso sia quello giusto.
La vita, a volte, ci chiede di fare quella scelta che a lungo abbiamo rimandato e abbracciare il cambiamento.
Altre di fare i conti con l'assenza e la capacità di lasciar andare; la ferita della perdita è universale.
Non c'è persona che non abbia vissuto il lutto per la morte di un caro amico, un familiare, un collega. Alcuni si sono confrontati con la dolorosa esperienza del rifiuto da parte di un genitore che non è stato in grado di farli sentire accolti e protetti.
Altri hanno subito l'abbandono dal proprio compagno e sperimentato il dolore per la fine della relazione.
Ad alcuni è toccata la consapevolezza di essere malati.

A volte, i dolori più intensi, le prove più difficili da affrontare, sono quelle che nascondono un insegnamento inaspettato. 

Per scoprire cosa ha da offrirci quella sofferenza, dobbiamo avere il coraggio di attraversarla; rischiare di perdersi nel buio per poi ritrovarsi.
Per la prima volta consapevoli non solo dei nostri limiti, ma anche delle nostre risorse e di quella forza che non sapevamo di avere.

Le nostre ferite più profonde, col tempo, diverranno cicatrici.

Racconteranno di noi e saranno il segno che ce l'abbiamo fatta.

DOTT.SSA ERIKA BENVENUTI, PSICOLOGA

 
 

Contattami

Rispettiamo la tua privacy

Messaggio inviato!

Cellulare
Email
Indirizzo

366 831 5135

Via Salandra 3 - Pesaro

Social
  • Facebook
  • LinkedIn Icona sociale